Poco dialogo all’interno del M5S brindisino, Serra e Motolese prendono le distanze da Le Grazie

di Redazione

BRINDISI – Continua a non esserci dialogo all’interno del Movimento 5 Stelle di Brindisi. Il Consigliere Le grazie entra nel consiglio di amministrazione del Consorzio dei Servizi Sociali. Scelta non comunicata alla dirigenza del Movimento. Di seguito, la nota dei grillini brindisini.

“Apprendiamo dalla stampa dell’ingresso del consigliere Le Grazie nel consiglio di amministrazione del Consorzio dei Servizi Sociali – si legge nella nota – si tratta di una scelta personale dello stesso, decisa in totale autonomia e non condivisa col gruppo consiliare. Un modus operandi che non ci stupisce affatto perché è lo stesso utilizzato nell’assunzione della presidenza della commissione Servizi Sociali e nella sua gestione. È del tutto evidente che Le Grazie da tempo gestisce autonomamente le proprie scelte politiche”.

Poi, rimarcano il fatto che la loro visione pare, al momento, distante da quella dell’Amministrazione Rossi. E, dunque, alle prossime Amministrative, cosa faranno i 5Stelle? Il consenso dell’interno Movimento sta scendendo e pare improbabile che correranno da soli, quindi un apparentamento dovrà essere fatto. Resta da capire se con PRI e liste civiche o con PD, appunto. La prima ipotesi non sarebbe gradita dalla Motolese, ma avrebbe il sì di Serra. In 13 mesi, tutto può succedere: “Al fine di evitare puerili strumentalizzazioni – conclude la nota – ribadiamo per l’ennesima volta che i sottoscritti restano distanti dall’amministrazione Rossi su molti temi, sulle modalità di gestione della cosa pubblica, sulle dinamiche che guidano i processi decisionali e sulle pratiche di spartizione degli incarichi. Restiamo fermamente convinti che per noi entrare in maggioranza rappresenterebbe un tradimento del mandato degli elettori, e ciò sia per coerenza che soprattutto per convinzione che la visione dell’attuale maggioranza sia su molti punti inconciliabile con la nostra, oltre che deleteria per il futuro della città”.