giovedì, Febbraio 29, 2024
HomeAttualitàLe difese aeree ucraine abbattano 36 droni kamikaze fabbricati in Iran diretti...

Le difese aeree ucraine abbattano 36 droni kamikaze fabbricati in Iran diretti contro Kiev

Le difese aeree ucraine hanno abbattuto ieri notte 36 droni kamikaze di fabbricazione iraniana sopra il cielo di Kiev, diretti contro infrastrutture critiche nelle vicinanze della capitale, secondo quanto riferito dalla Forza Aerea ucraina in un comunicato dopo una lunga notte in cui le sirene antiaeree sono risuonate in tutte le regioni occidentali del paese. “Nessuno ha raggiunto il suo obiettivo”, ha annunciato questa mattina il presidente Volodymir Zelenski sul suo canale Telegram in un messaggio in cui ha congratulato le forze di difesa aerea del paese per il loro successo “al 100%”.

Di fronte alla mancanza di progressi a terra, la Russia persiste nella sua strategia di operazioni aeree contro l’Ucraina al fine di esaurire le difese ucraine. Quello di ieri sera è stato il 12° attacco aereo russo da inizio mese. L’operazione nella capitale è durata circa tre ore. Le sirene e i sistemi di allarme per attacchi aerei si sono attivati poco prima della mezzanotte e solo alle tre del mattino è stata dichiarata terminata la minaccia. L’esercito ucraino ha utilizzato missili, aerei e brigate mobili per abbattere gli oggetti volanti inviati dalla Russia, i famosi Shaheds, dispositivi a basso costo di fabbricazione iraniana.

Ieri sera, nel suo messaggio televisivo quotidiano, il presidente Zelenski ha interpellato le autorità e il popolo iraniano. “Perché volete essere complici del terrore russo? Perché state dalla parte dello stato malvagio? Il mondo vede ciò che sta accadendo, e tutti voi in Iran lo vedete (…). I vostri shaheds che terrorizzano l’Ucraina ogni notte significano solo che il popolo iraniano viene spinto sempre più verso il lato oscuro della storia” e “vi porterà solo a un ulteriore isolamento dal mondo e a maggiori problemi”, ha sostenuto Zelenski, tornato in Ucraina dopo un viaggio diplomatico che lo ha portato fino a Hiroshima (Giappone) la scorsa settimana, dove è stato sostenuto dai leader occidentali e ha potuto difendere i punti di vista dell’Ucraina di persona con i rappresentanti del cosiddetto Sud globale.

Sebbene i piani per la controffensiva ucraina non siano ancora emersi, Mykhailo Podolyak, consigliere presidenziale, ha difeso questa mattina sul suo account Twitter che gli attacchi degli ultimi giorni contro punti chiave della catena logistica russa e infrastrutture nelle zone occupate fanno parte di questa operazione. “La distruzione intensiva della logistica nemica è anche una controffensiva” e darà i suoi frutti in futuro, ha assicurato Podolyak. In dichiarazioni a Reuters, il consigliere di Zelenski ha negato questa mattina qualsiasi relazione con questo incidente, che ha definito “strano e inutile”, e ha smentito le informazioni pubblicate dal The New York Times, basate su fonti dei servizi di intelligence statunitensi, secondo cui l’attacco è stato probabilmente orchestrato da unità speciali ucraine.

I PIU' RECENTI

Most Popular