EX ILVA: “Annunciato intervento finanziario, ma resta una grave crisi”

di Redazione

TARANTO – Riceviamo e pubblichiamo le dichiarazione del Segretario generale Fim Cisl, Roberto Benaglia, e del Segretario nazionale Fim Cisl, Valerio D’Alò.

Si è concluso il vertice a al Ministero dello Sviluppo Economico, tra il Governo con il Ministro Giorgetti ed Orlando, i vertici di Acciaierie D’Italia e le organizzazioni sindacali nazionali e territoriali.

L’annuncio di quest’oggi del Governo di un intervento finanziario imminente a favore di Acciaierie D’Italia è certamente una novità, ma prima di poterla valutare completamente abbiamo bisogno di capire la natura del provvedimento e la sua entità.

Il governo ci ha assicurato che sarà una misura sufficiente a dare certezza all’azienda noi vogliamo e speriamo che sia così, ma chiediamo all’azienda e al Governo che questo sostegno si traduca immediatamente in un impegno aziendale nel recuperare produzione, investimenti e sicurezza sugli impianti, sulle merci e sulla capacità di far ripartire il siderurgico di Taranto che sta letteralmente affondando.

Detto ciò, in ogni caso resta il fatto che non possiamo aspettare le elezioni e l’insediamento del prossimo Governo – per questo abbiamo chiesto ai ministri Giorgetti e Orlando che questo Governo mantenga gli impegni presi e la loro titolarità rispetto alla vertenza e quindi, di rivedersi a fine agosto inizio settembre per fare il punto su questa importante crisi.

Non bastano dal nostro punto di vista, le giustificazioni dei vertici aziendali sull’aumento dei costi dell’energia e sulle difficoltà di liquidità per abbandonare siderurgico di Taranto e gli altri siti del Gruppo e con essi i lavoratori in Amministrazione Straordinaria e dell’indotto in balia della crisi in cui versa il Gruppo.

La crisi è ancora molto grave, per questo la Fim, insieme agli altri sindacati, rifletterà all’inizio della ripresa post feriale con tutte le RSU su come impegnarci e farci sentire, perché questa crisi si riprenda finalmente, l’occupazione, lo sviluppo e gli investimenti del siderurgico di Taranto e di tutti i siti del Gruppo.