martedì, Aprile 16, 2024
HomePoliticaErdogan nomina il nuovo ministro per l'economia: nuove speranze per il futuro...

Erdogan nomina il nuovo ministro per l’economia: nuove speranze per il futuro del Paese

Nella presentazione del suo nuovo governo, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha nominato l’ex capo dell’economia Mehmet Simsek come nuovo ministro del tesoro ed economia, suscitando così un certo ottimismo riguardo alla possibilità che il paese ora intraprenda una nuova strada economica.

Chi è il nuovo ministro

Simsek era noto per le sue politiche favorevoli al mercato e in seguito è diventato vice primo ministro del paese dal 2015 al 2018, dopo il suo mandato come ministro delle finanze della Turchia.

Erdogan, la cui vittoria nelle elezioni presidenziali del 2023 significa un’estensione del suo potere in un terzo decennio, ha cambiato la maggior parte dei membri del suo governo, ad eccezione dei ministri della salute e della cultura. Simsek che crea una nuova squadra nell’importante portafoglio economico implicherebbe che avrà “un controllo piuttosto forte sulla politica economica generale”, ha detto Timothy Ash, Senior EM Sovereign Strategist di BlueBay Asset Management via e-mail. “L’economia turca ha la possibilità di ritirarsi dal baratro”, ha continuato.

Prospettive di crescita

Gli analisti di Goldman Sachs condividono l’opinione che la nuova nomina potrebbe aumentare la possibilità di politiche più ortodosse. “Crediamo che la scelta di Mehmet Simsek come nuovo ministro del tesoro e delle finanze aumenti la probabilità che la politica monetaria si sposti verso una direzione più ortodossa”, ha scritto Goldman in un rapporto datato 3 giugno.

Attualmente, la politica monetaria della Turchia pone l’accento sulla ricerca della crescita e della competizione delle esportazioni anziché sulla gestione dell’inflazione. Sfidando le politiche monetarie tradizionali, Erdogan sostiene l’opinione non convenzionale che alzare i tassi di interesse aumenti l’inflazione, portando la banca centrale a un ciclo di taglio dei tassi di interesse in mezzo a un’inflazione galoppante.

Negli ultimi anni, la lira turca ha subito una significativa svalutazione, in parte a causa delle politiche di Erdogan e della sua influenza sulla banca centrale del paese. Questo calo si è accentuato dopo il secondo turno delle elezioni presidenziali, raggiungendo nuovi minimi dopo la rielezione di Erdogan.

Cosa dicono i dati

Lira si scambiava a 21,1023 rispetto al dollaro lunedì mattina, dopo essere iniziata l’anno a circa 18,6935. Goldman Sachs prevede che la valuta abbia ancora margine per indebolirsi ulteriormente, raggiungendo minimi più profondi: 28 rispetto al dollaro in 12 mesi, rispetto a una stima precedente di 22.

“Rivediamo al rialzo le nostre previsioni USD/TRY a 23,00, 25,00 e 28,00 a 3, 6 e 12 mesi (rispetto a 19,00, 21,00 e 22,00 in precedenza)”, hanno scritto gli analisti della banca d’investimento.

Wolfango Piccoli, co-presidente della società di ricerca Teneo, ritiene che il ritorno di Simsek possa “al massimo” portare a una parziale riorientazione della politica economica attuale della Turchia. Piccoli ha aggiunto che è improbabile un drastico cambio di rotta che adotti un approccio monetario convenzionale diretto.

“Inoltre, non è chiaro per quanto tempo Erdogan potrà tollerare una posizione più pragmatica sul fronte economico”, ha scritto in una nota di ricerca datata 2 giugno. “Per Erdogan, Simsek è l’astuzia che usa finché i mercati non danno alla Turchia un po’ di tregua”.

I PIU' RECENTI

Most Popular