Dura protesta dei Vigili del Fuoco di Brindisi, affiancati da UILPA: “Siamo uomini, non solo lavoratori”

di Tommaso Lamarina

BRINDISI – “Chiediamo si instauri un maggiore confronto con il datore di lavoro”. Così, Nadia Polito, Segretaria Generale Territoriale UILPA Brindisi, durante il sit in di protesta organizzato dai Vigili del Fuoco di Brindisi, dinanzi alla propria caserma. Nell’intervista, oltre alla Polito, anche Francesco Sperto, sindacalista Vigili del Fuoco UILPA Brindisi.

Lo scorso 25 maggio c’è stata definitivamente la “rottura” tra il Comandante dei Vigili del Fuoco Brindisi ed il Corpo degli uomini del 115, in quanto il dirigente verrebbe meno al “rispetto di corrette relazioni sindacali, ovvero di atteggiamenti che rasentano forme persecutorie nei confronti non solo della UIL PA VV.F., ma anche nei confronti del personale operativo ed, in particolare, degli iscritti a questa Organizzazione Sindacale, oltre al verificarsi di uno stato di precarietà causata dal non affrontare un improcrastinabile riassetto del settore tecnico-amministrativo, ormai palesemente allo sbando ed in alcune situazioni che rasenta il ridicolo”, si legge nella nota del 29 giugno 2022.

Sembra essere vano l’impegno profuso da UILPA per migliorare le relazioni sindacali, al fine di superare con spirito costruttivo “le situazioni legate ad una cattiva, incoerente e quindi precaria organizzazione del soccorso, considerate le mancate risposte del Comandante e la sua totale chiusura rispetto alla positiva risoluzione della vertenza ci vediamo costretti ad assumere una forte e decisa azione sindacale”.

Per questo motivo, questo pomeriggio (1 luglio) i Vigili del Fuoco proclamano una prima giornata di sciopero, della durata di quattro ore, dalle ore 16:00 alle ore 20:00. Durante l’astensione dal lavoro sarà garantito il soccorso tecnico urgente alla popolazione.