giovedì, Aprile 25, 2024
HomeAttualitàArchitetti a Dubai immaginano un enorme anello spaziale intorno all'edificio più alto...

Architetti a Dubai immaginano un enorme anello spaziale intorno all’edificio più alto del mondo

A Dubai, lo studio di architettura sperimentale ZNera Space ha proposto un progetto concettuale che presenta una massiccia struttura circolare di cinque piani avvolta intorno all’edificio più alto del mondo, il Burj Khalifa, che si erge imponente a 829,8 metri, quasi il doppio dell’Empire State Building.

L’ambizioso progetto

Il concetto, conosciuto come Downtown Circle, unisce comunità, lusso e urbanistica futuristica in un design ambizioso, portato alla vita da una serie di illustrazioni affascinanti create in collaborazione con Pictown, un’azienda specializzata in rendering architettonici.

I principali architetti di ZNera Space, Najmus Chowdry e Nils Remess, immaginano il Downtown Circle come un tratto orizzontale nel vertiginoso e futuristico skyline di Dubai, fatto di grattacieli apparentemente infiniti.

Uno skyline sempre mutevole Per quanto affascinante e radicale possa essere il Downtown Circle, Chowdry e Remess ammettono che per ora è praticamente e finanziariamente improponibile.

“Volevamo avviare una conversazione”, ha detto Chowdry. “Qualcosa che potesse spingere le persone a ripensare allo sviluppo urbano, a ripensare alla congestione cittadina… Stiamo promettendo la città sostenibile.”

“Stavamo lavorando su aspetti molto importanti che sollevano la discussione su come pianifichiamo le città”, ha aggiunto Remess. “Abbiamo scelto il Burj Khalifa perché si trova in un’area urbana molto densa e vogliamo affrontare le problematiche che accompagnano le popolazioni dense delle città.”

La struttura, progettata per trovarsi a 550 metri sopra il livello della strada, avrebbe una circonferenza di oltre tre chilometri. L’anello sarebbe sostenuto da cinque enormi pilastri, le cui basi si trovano in lotti vuoti, che potrebbero potenzialmente servire anche a uno scopo aggiuntivo.

“Volevamo creare un microclima a Downtown e creare una sorta di involucro intorno all’area per controllare la temperatura e renderla più vivibile durante il clima caldo”, ha detto Chowdry. “È possibile utilizzare quei pilastri verticali come depuratori d’aria urbani.” La struttura dei pilastri potrebbe incorporare un innovativo sistema di filtraggio degli inquinanti atmosferici creato da ZNera Space, che è stato selezionato come finalista per il premio World Architecture Festival 2018 nella categoria “Experimental Future Project”.

Un occhio alla sostenibilità

Design sostenibile per il futuro a Dubai, dove le temperature superano spesso i 40 gradi Celsius (104 gradi Fahrenheit), e gli architetti vogliono che il loro progetto segni un nuovo punto di riferimento per la sostenibilità nella regione.

“Sarà interamente coperto da pannelli solari”, ha detto Chowdry. “Vogliamo anche implementare una tecnologia che abbiamo già utilizzato in un progetto precedente, celle di idrogeno solare.”

Questa tecnologia utilizza l’energia solare per convertire l’acqua in idrogeno, che può quindi alimentare il condizionamento dell’aria e fornire energia all’edificio.

Il concetto propone anche opzioni di trasporto da un’estremità all’altra, tra cui un sistema di tram elettrico che potrebbe raggiungere velocità di 100 chilometri all’ora e infrastrutture per ospitare taxi volanti.

Una città “autosufficiente” Questo tipo di ambizione architettonica non è priva delle sue sfide ingegneristiche, come la creazione di una struttura abbastanza resistente da ospitare gli interni, ma sufficientemente leggera da essere sostenuta dai pilastri.

“La struttura stessa è piuttosto leggera. La immagino come un grande aeroplano: la pelle, le costole, tutto diventa la struttura ed è tutto vuoto all’interno”, ha detto Chowdry.

“Ma poi è sostenuto da queste colonne e l’anello circolare”, ha continuato. “Abbiamo scelto di renderlo circolare perché è la forma strutturale più stabile.”

Il proposto Downtown Circle intreccerebbe spazi residenziali tra aree commerciali, aziendali e culturali per formare una “città autosufficiente all’interno di una città”, ha detto Remess. “Se vivi lì, puoi raggiungere il tuo ufficio, puoi raggiungere il tuo parco, puoi raggiungere la tua casa in una passeggiata di 15-20 minuti. A Dubai è difficile farlo.”

Lo Skypark dell’anello spaziale

Il punto forte dell’interno del design è una fascia verde continua, chiamata Skypark, che collega tutti e cinque i piani della struttura.

“Lo Skypark è la spina dorsale centrale di tutto il design”, ha spiegato Chowdry. “Sarà uno spazio verde a uso misto e fungerà anche da spazio per ripensare come avverrà l’agricoltura in futuro, specialmente nelle città.”

“Se guardi storicamente, prima arrivava l’agricoltura e poi costruivamo la città”, ha detto Remess. “Ora abbiamo un po’ perso questo concetto. Con questa cintura verde all’interno della struttura, vogliamo riportare l’agricoltura e la produzione alimentare al centro della città.”

Il concetto sta sicuramente attirando l’attenzione, ma non tutto il feedback è positivo. Dopo aver pubblicato le immagini simulate sulla pagina Instagram dello studio, alcuni commentatori hanno affermato che il design potrebbe distruggere l’essenza del distretto del centro città.

“Alcuni dei commenti online sono stati negativi, ma – come qualcuno ci ha detto di recente – cosa appare migliore: un dito vuoto o un dito con l’anello?”, ha detto Chowdry. “Penso che aggiunga semplicemente alla verticalità del Burj Khalifa.”

I PIU' RECENTI

Most Popular