Amministrative 2023, pronte 3 coalizioni. Intanto, due Consiglieri pensano al Parlamento

di Tommaso Lamarina

BRINDISI – Oltre alle coalizioni di centrodestra e centrosinistra, ce ne sarebbe un’altra, che vedrebbe il PRI capofila, non senza colpi di scena. Intanto, Antonino e Motolese sarebbero pronti a candidarsi al Parlamento nelle prossime Politiche.

La città di Brindisi pare essere pronta alle Amministrative ed alle Politiche del 2023: i nuovi governi locali e del Paese saranno decretati tra 13 mesi esatti. In questo periodo, però, tutto può cambiare. Già durante i primi mesi del 2022 sono iniziati i colloqui embrionali tra le varie forze politiche brindisine, scontenti e “vecchi” nuovi, in vista delle elezioni che si terranno nel giugno del prossimo anno.

Centrosinistra

Il quadro apparentemente più “semplice” è quello del centrosinistra, che ricandiderebbe l’attuale primo cittadino, Riccardo Rossi. Il Sindaco di Brindisi avrebbe l’appoggio indiscusso del Partito Democratico (area Cannalire), di Brindisi Bene Comune, dei Verdi e di Sinistra Italiana. Ma anche del Movimento 5 Stelle, che in città guarderebbe con piacere l’unione con i democratici (così come a livello nazionale). Tale accordo, però, non sarebbe visto di buon occhio dal Consigliere Comunale pentastellato, Gianluca Serra, il quale potrebbe lasciare il movimento. Favorevole, invece, l’altra Consigliere dei 5Stelle, Tiziana Motelese. Ancora incerta, invece, la posizione di Italia Viva, da sempre volta allo sviluppo economico della città e sovente in disaccordo con la maggioranza durante i Consigli Comunali. Secondo rumors, poi, il centrosinistra potrebbe pensare, in alternativa a Rossi, anche ad un altro candidato sindaco. Il nome ricadrebbe sulla figura di spicco, Carmelo Grassi. Ma, al momento, alcuna conferma.

Centrodestra

La condizione del centrodestra è in fase di costruzione. Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia dovrebbero correre assieme, appoggiati da Brindisi Popolare ed Idea per Brindisi, sempre se il nome che uscirà fuori dai summit dovesse essere appoggiato da tutti. FI è aperta alla possibilità di candidare un suo uomo alla carica di sindaco (si pensa a Mauro D’Attis, attuale parlamentare e commissario regionale di Forza Italia, se non dovesse essere riconfermato come deputato), ma anche a quella di appoggiare una figura di un’altra forza politica della propria coalizione. Qui i nomi circolano poco. Voci di corridoio starebbero pensando a due uomini di FDI: il Consigliere Comunale, Massimiliano Oggiano, e l’ex Presidente del Consiglio Comunale della Giunta Carluccio. Ma il fronte unico potrebbe anche virare verso un candidato donna. Potrebbe esserci, poi, anche un outsider: un imprenditore vicino al centrodestra. Se quest’ultimo dovesse rifiutare l’offerta, non è da escludere, comunque, un suo appoggio attivo alla coalizione.

La terza coalizione

Il Partito Repubblicano Italiano è fuori dai giochi di palazzo e pensa seriamente ad una propria coalizione, con dentro liste civiche, anche in virtù della volontà del partito di non fare accordi con sovranisti e populisti (si guarda verso Azione di Calenda). Tra queste liste civiche potrebbe esserci eventualmente anche quella del Consigliere Serra (M5S) che, come detto, non appoggerebbe il centrosinistra e, pertanto, lascerebbe il Movimento (sempre se questo dovesse apparentarsi con la coalizione del PD). Il fatto, però, che a livello nazionale il grillini non abbiano un linea chiara e netta, lascia tutti i discorsi in stand-by, in quanto hanno fatto alleanze diverse in altri territori (anche se all’inizio della loro nascita erano partiti con un perentorio “mai alleanze”). A Brindisi, per i 5Stelle, c’è la Motelese che non sarebbe d’accordo con un accordo con il PRI e, da qui, la scissione con Serra. All’interno della coalizione potrebbero finirci i Consiglieri Comunali, Antonio Elefante (ex PD) e Marco Vadacca (ex BBC). Infine, potrebbero non mancare colpi di scena, con altre altre due figure “pesanti” che gradirebbero una forte coalizione alternativa al centrodestra e centrosinistra: uno da “civico” e l’altro facente parte di un movimento già esistente.

I possibili candidati al Parlamento

Congiuntamente alle Amministrative, il prossimo anno si voterà anche per le Politiche. A Brindisi, al momento, sarebbero in due a pensare a Roma, oltre allo stesso onorevole D’Attis (FI). Parliamo di Gabriele Antonino, Consigliere Comunale del PRI, e Tiziana Motolese, Consigliere Comunale del M5S. Ovviamente, molto dipenderà dalla legge elettorale e dalle scelte dei rispettivi partiti, ma anche dalle alleanze locali.

Insomma, tanti discorsi, tanti colloqui, tanti tentativi, quando mancano 13 mesi alle elezioni cittadine.